informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come gestire un colloquio di lavoro all’estero?

Commenti disabilitati su Come gestire un colloquio di lavoro all’estero? Studiare ad Agrigento

Spesso un colloquio di lavoro all’estero desta preoccupazione. Il fatto stesso di ritrovarsi in un paese “straniero” può generare una sensazione di ansia o preoccupazione. Ma ci sono anche le persone che accettano la sfida con entusiasmo. In fondo se ti sei messo a cercare lavoro all’estero è perché vuoi provare un’esperienza nuova e stimolante. E allora devi essere preparato a tutto. Il colloquio all’estero potrebbe rivelarsi anche piuttosto diverso da quello in Italia, anche per via della lingua. Sei in grado di affrontare un colloquio in lingua inglese? Perché probabilmente sarà esattamente questo quello che ti capiterà. Non temere, siamo qui per aiutarti.

Colloquio di lavoro all’estero: impara la lingua

Il colloquio di lavoro in inglese o in un’altra lingua straniera è una grande prova, un piccolo grande test nel test. Stanno testando la tua preparazione professionale ma anche la tua padronanza linguistica. Il nostro primo consiglio è dunque quello di studiare bene la lingua. Guarda qualche lezione su YouTube, cerca un insegnante on line, iscriviti a una scuola, l’importante è fare un passo verso la maggiore dimestichezza possibile. Dopodiché possiamo parlare di vero e proprio lavoro di colloquio all’estero. Hai trovato un’offerta eccezionale e vuoi crederci fino in fondo. Questo è lo spirito giusto. Ora ti trovi davanti a due possibilità: colloquio in presenza o colloquio a distanza. Sicuramente il recruiter ti ha inviato una comunicazione in cui ha specificato questo aspetto. Se il lavoro per cui hai inviato la candidatura si svolge all’estero ma tu vivi in Italia molto probabilmente il colloquio avverrà a distanza, è ormai prassi comune nella ricerca del personale. Questo è un buon punto di partenza, il colloquio di lavoro a distanza è meno stressante: nessuno spostamento, veloce, efficace. Ma non correre il rischio di considerarlo meno importante di quello in presenza, anzi. È il primo step in assoluto per trovare lavoro fuori dall’Italia, saper avere a che fare con la tecnologia con spontaneità, dunque buttati!

Colloquio all’estero: il fattore emozione

C’è un punto che sfugge a tante persone, convinte fortemente che i recruiter e le persone incaricate di fare i colloqui di lavoro siano dei terribili mostri senza cuore. In realtà dietro questi professionisti si cela una grande sensibilità. Sono perfettamente in grado di accettare il giusto grado di emozione, agitazione e preoccupazione. Soprattutto quando lo schermo si frappone nella relazione o una lingua diversa crea qualche incomprensione. È seccante doverlo dire in modo così banale, ma ciò che conta è essere sé stessi. Un poco di emozione non guasta. Il secondo consiglio che ti vogliamo dare, valido sia per colloqui on line che per colloqui in presenza, è quello di guardare negli occhi la persona che ti sta intervistando. Forse sullo schermo risulterà più difficile, ma è importante tenere un contatto visivo: ispira fiducia e infonde sicurezza. Se hai prestato attenzione ai dettagli intorno a te, una stanza ordinata, un abbigliamento comodo e consono, il colloquio di lavoro su Skype fluirà senza intoppi, proprio come se tu fossi presente nell’ufficio del responsabile risorse umane. Da non dimenticare assolutamente: verifica il funzionamento di cuffie e microfoni e non toccare i dispositivi mentre stai affrontando il colloquio. Una volta che avrai impostato le cuffie (se hai scelto di utilizzarle) o verificato di avere un microfono di base non eseguire nessun’altra operazione prima della call, per non rischiare di bloccare il funzionamento prima dell’avvio.

Colloquio di lavoro fuori città o in un paese straniero in presenza

Il colloquio di lavoro fuori città è sempre più frequente, le sedi dei grandi uffici spesso non si trovano al centro delle grandi città ma fuori, per ragioni logistiche: più spazio per parcheggi, mense, numerosi uffici, sale, etc. Andare fuori città per lavoro non è male, ma ovviamente non è come andare all’estero.

Viaggiare all’estero per lavoro, soprattutto per un colloquio di lavoro è impegnativo. Bisogna prepararsi con cura. Ricordati che non è una vacanza, forse potrai concederti un giorno di relax dopo l’appuntamento di lavoro, ma prima non è il caso di gironzolare: concentrati sul tuo obiettivo. Rileggi il curriculum vitae, e ripassa le classiche domande che vengono fatte quando fai un colloquio di lavoro all’estero.

  1. Quali sono i tuoi punti di forza?
  2. Quali sono i tuoi punti di debolezza?
  3. Perché sei interessato a lavorare per la nostra azienda?
  4. Come immagini la tua vita da qui a cinque/dieci anni?
  5. Perché hai lasciato la tua precedente occupazione?
  6. Cosa puoi offrirci in più rispetto agli altri candidati?
  7. Raccontami del risultato che hai conseguito di cui vai sei maggiormente fiero?
  8. Raccontami dell’errore più grave che hai commesso?
  9. Che tipo di lavoro sogni?
  10. Come sei venuto a conoscenza della nostra offerta?
  11.  Che risultati vorresti ottenere nei primi 30/60/90 giorni di lavoro con noi?
  12.  Come ti descriveresti?
  13. Perché dovremmo assumerti?
  14.  Perché stai cercando un nuovo lavoro?
  15.  Come hai gestito una situazione complicata?
  16.  Come ti comporteresti con un cliente arrabbiato?
  17.  Cosa ti motiva?
  18.  Qual è il tuo più grosso fallimento?

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali