informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come creare una startup: i passi da fare

Commenti disabilitati su Come creare una startup: i passi da fare Studiare ad Agrigento

Capire come creare una start up di questi tempi si rivela particolarmente utile. Se ti frulla in testa un’idea di business e vuoi lanciare un progetto di cui avere piena gestione questo è l’articolo giusto su cui soffermarti. Ti daremo qualche indicazioni su come fare impresa e su quali agevolazioni puoi ottenere per intraprendere subito questo percorso.

Fondare una start up: da dove cominciare?

startupperLa start up è un’impresa ad alto tasso di innovazione. Sono numerosi e trasversali i settori economici in cui nascono ogni mese nuove start up: informatica, telecomunicazioni, ma anche medicina, fashion e turismo.

Dunque, il primo requisito è l’innovazione. Ma non è l’unico. Il prodotto e il servizio devono essere ad alto valore tecnologico. L’innovazione riguarda sia il prodotto e il servizio che le metodologie di produzione e le modalità di commercializzazione. In realtà, nel corso del tempo e con l’aumento esponenziale di imprese che si autodefinivano arbitrariamente start up, sono stati fissati anche dei criteri più formali per la definizione di start up.

Sei vuoi creare una start up sappi ce deve possedere queste caratteristiche:

  • L’attività non dev’essere costituita da più di cinque anni
  • Deve avere sede fiscale in Italia o in un paese dell’Unione Europea
  • Dal secondo anno la produzione annuale non deve oltrepassare i cinque milioni di euro
  • Non deve aver mai distribuito utili
  • Non deve nascere dalla fusione o scissione con altre società o rami d’azienda

Queste sono a grandi linee le caratteristiche di una start up, ma non è finita qui. In realtà per mantenere il suo status deve riuscire a raggiungere determinati obiettivi nel corso del tempo:

  • Investimenti in ricerca e sviluppo pari ad almeno il 15% del costo del valore della produzione
  • Il team deve essere costituito da un terzo di dottori di ricerca o laureati da almeno tre anni, oppure almeno due terzi dei soci devono possedere una laurea magistrale
  • Deposito o licenza di un brevetto o software registrato presso la SIAE

Creare una start up: il tipo di società

Per aprire una start up bisogna prepararsi ad affrontare diversi passaggi e a sbrigare incombenze di tipo burocratico. La start up va inquadrata come entità giuridica, pertanto si deve scegliere quale tipo di società si vuole fondare. La prima scelta da compiere è quella tra società a scopo di lucro e società senza scopo di lucro.

Se l’impresa ha più fondatori si deve scegliere anche tra società di persone e società di capitali. Le società di capitali che vengono maggiormente utilizzate per inquadrare le start up sono la Srl e la Srl semplificata, quest’ultima in particolar modo viene preferita grazie a costi di gestione più vantaggiosi.

Agevolazioni e finanziamenti per start up

Dopo aver specificato quali sono i requisiti per aprire una start-up sarai curioso di sapere quali agevolazioni spettano a chi decide di avviare un’impresa innovativa. Sarai felice di sapere che ce ne sono diverse, che vengono incontro a coloro che cercano canali di finanziamento per realizzare i propri obiettivi. Nei prossimi paragrafi ti daremo qualche informazione in più su come funzionano, per comprendere quale sia meglio per te e per le tue idee di start up.

Bootstrapping

Con questo nome si definisce l’uso di capitali personali per intraprendere un progetto di start up. In italiano si chiama autofinanziamento, e tutti sanno di cosa si tratta. Dal momento che la fase iniziale è piuttosto delicata e complessa gli startupper possono avere qualche problema nell’individuare finanziamenti e ovviano a questi problemi con l’uso di capitali propri. Ovviamente non è spesso possibile per tutti i soggetti investire in imprese altamente rischiose, quindi questa forma di finanziamento è molto indicata per progetti circoscritti ed economicamente approcciabili.

Crowdfunding

Questa formula negli ultimi anni è stata parecchio utilizzata per i più disparati motivi. Si tratta di una raccolta fondi, generalmente avvita tramite canali presenti su internet, che prevede contributi provenienti privati che costituendo estemporaneamente un gruppo di finanziamento riescono a fornire i capitali di base per l’avvio di un’idea innovativa.

Le start up possono far conoscere il proprio progetto e trovare persone che si sentono in risonanza con gli intenti e i valori promossi, e ricevere le somme richieste per iniziare grazie a singoli finanziatori che mettono cifre molto piccole la cui somma diventa un validissimo punto di partenza. Molto spesso chi finanzia viene anche premiato con una ricompensa.

Business Angel

Quando un soggetto privato con capitali a disposizione sceglie di investire fondi in una nuova impresa, in cambio di capitale di rischio e dello status di socio, si parla di business angel. Sono sempre di più gli imprenditori che scelgono di creare start up supportando progetti agli albori e contribuendo con la propria esperienza e le proprie risorse ad innovare determinati settori.

Incubatore di start up

La diffusione di questa formula di impresa ha portato alla nascita di incubatori, luoghi dove enti o associazioni mettono a disposizione servizi e strutture necessarie a concretizzare le visioni di chi vuole aprire una start up. Gli incubatori offrono servizi, sia di tipo amministrativo che di tipo organizzativo, formazione, consulenza e accesso a informazioni su finanziamenti e networking.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – Gajus-Images

Credits foto 1: Depositphotos.com – racorn

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali