informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare finanziere: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare finanziere: studi e possibilità Studiare ad Agrigento

Scopri come diventare finanziare leggendo questo articolo in cui ti spieghiamo nel dettaglio come si affrontano i vari step per entrare nella Guardia di Finanza passando per la formazione e il Concorso Allievi Finanzieri. Sono tanti i giovani che si muovono alla ricerca di informazioni utili su come diventare finanzieri. Nei prossimi paragrafi speriamo di fornire suggerimenti esaustivi per comprendere quali strade percorrere.

Come entrare in finanza: conoscere la struttura

diventare guardia di finanzaEntrare all’interno della finanza prevede il superamento delle prove del Concorso Allievi Finanzieri (del quale esistono due contingenti diversi: Contingente Ordinario e Contingente di Mare). Ma prima ancora di avvicinarsi a questa importante sfida è opportuno conoscere com’è organizzata la Guardia di Finanza, quali sono le competenze necessarie e che attività svolge.

Per riassumere brevemente, e fornire un quadro più preciso, possiamo affermare che il Finanziere entra a far parte di un ordinamento militare, in quanto Forza di Polizia con competenza in materia economica e finanziaria. Il corpo dipende, pertanto, dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, a cui viene affidato il compito di:

  • Perseguire le evasioni fiscali
  • Eseguire attività di vigilanza in veste di polizia finanziaria e in collaborazione con la forza di polizia marittima, di assistenza e di segnalazione
  • Vigilare sull’osservanza delle leggi e delle disposizioni di interesse politico-economico
  • Partecipare alla difesa politico-militare delle frontiere
  • Tutelare il mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica
  • Eseguire vari servizi di vigilanza che la legge richiede al suo specifico corpo

Il ruolo connesso alle questioni di polizia economica e finanziaria svolto dal Corpo della Guardia di Finanza riguarda anche la tutela del bilancio pubblico, degli enti locali ed europei e l’esercizio della funzione di polizia finalizzata alla tutela dell’ordine pubblico, nonché della sicurezza. La Guardia di Finanza in casi specifici e molto rari ha funzioni di polizia militare. Il suo lavoro può essere richiesto dal Presidente del Consiglio dei Ministri per ottenere elementi informativi necessari all’autorizzazione e rilascio di abilitazioni di sicurezza, per questioni pertinenti la sicurezza economico-finanziaria nazionale. Infine può assolvere anche la funzione di polizia giudiziaria militare, se lo prevedono le disposizioni fissate nei codici penali militari.

Per poter svolgere alcuni dei compiti assegnati che abbiamo qui esposto e segnalato il Finanziere deve possedere specifiche qualifiche, tra cui:

  • Ufficiale ed agente di polizia giudiziaria
  • Ufficiale ed agente di polizia tributaria
  • Agente di pubblica sicurezza

Abbiamo già detto nelle prime righe del paragrafo precedente quanto sia importante conoscere la struttura del Corpo della Finanzia, dunque proseguiamo ribadendo che esiste un Contingente di Mare e un Contingente Ordinario, costituito da ufficiali, sottoufficiali e agenti (appuntati e finanzieri). Tale gerarchia è ben conosciuta, ed è risaputo che il ruolo di Appuntati e Finanzieri è quello che si trova all’inizio della piramide. Non ci piace dire “nel gradino più basso” perché crediamo che questo ruolo sia già estremamente importante, e il trampolino di lancio per gli altri ruoli più elevati all’interno della scala gerarchica. Anche all’interno dei ruoli di Appuntato e di Finanziere sussistono delle divisioni, sono quelle tra:

  • Finanziere
  • Finanziere scelto
  • Appuntato
  • Appuntato scelto

Come diventare finanziere: selezione e requisiti

entrare in finanzaA partire dal 1° gennaio 2016, i Concorsi per diventare finanzieri sono aperti anche ai civili. In questo paragrafo ci soffermeremo sui requisiti per partecipare al Concorso Allievi Finanzieri, il passaggio principale per accedere a questa carriera. I requisiti cambiano a seconda dello status del candidato, se civile o se candidato dopo aver svolto il servizio militare in qualità di VFP1 o VFP4.

Il numero dei posti assegnati a queste singole categorie varia a seconda dei bandi specifici, in relazione ai posti da assegnare. Ma vediamo cosa prevedono i criteri di selezione per la partecipazione al Concorso Allievi Finanzieri.

Per candidati VFP1 e VFP4 (in servizio e in congedo)

  • Sono ammessi al Concorso tutti i VFP1 e VFP4 che non partecipano ad altri Concorsi Allievi Finanzieri banditi da altre amministrazioni
  • Sono ammessi tutti coloro che hanno un’età compresa tra i 18 e i 26 anni non compiuti

Per candidati civili:

Sono ammessi al concorso pubblico tutti i civili che abbiano:

  • Età compresa tra i 18 e non superiore ai 26 anni
  • Possesso di diritti civili e politici
  • Diploma di istituto di istruzione secondaria di secondo grado
  • Assenza di destituzione, dispensa o dichiarazione di decadimento dall’impiego in pubblica ammirazione, procedimenti disciplinari da precedenti arruolamenti nelle Forze armate o di polizia, a esclusione dei proscioglimenti per inidoneità psicofisica
  • Condizione di condotta incensurata, condanne per delitti non colposi, anche con applicazione di pena su richiesta o sospesa, con decreto penale di condanna
  • Mancata sottoposizione a misure di prevenzione
  • Idoneità psicofisica e attitudinale come previste dal bando
  • Fedeltà alla Costituzione della Repubblica, anche nei comportamenti

Questi punti sottolineano quanto sia importante che i futuri finanzieri abbiano una background e un comportamento generale in linea con la sicurezza dello Stato, e soprattutto con la conservazione dello status di Finanzieri, che prevede un preciso e regolare atteggiamento e modo di agire.

Ovviamente sono esclusi anche coloro che non hanno prestato servizio militare in quanto obiettori di coscienza.

La domanda di partecipazione al Concorso per diventare Finanziere possono e devono essere compilate direttamente on-line sul sito della Guardia di Finanza, facendo attenzione a seguire con scrupolo le indicazioni rilasciate dal sistema automatizzato. La domanda deve pervenire entro 30 giorni a decorrere dal giorno successivo a quello della pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. La scelta tra il Contingente di Mare oppure Ordinario dev’essere fatta al momento della compilazione della domanda di partecipazione.

Come entrare nella Guardia di Finanza: i corsi di formazione

Per coloro che superano tutte le prove previste e risultano vincitori del Concorso Allievi Finanzieri del Contingente Ordinario viene predisposta la partecipazione a un corso di formazione della durata di un anno. Un corso suddiviso in due parti ben precise da sei mesi ciascuna: una prima fase addestrativa, con una formazione di base e tecnico-professionale e una seconda fase di perfezionamento nelle discipline professionali e nelle tecniche di esecuzione del servizio. La sede del corso cambia a seconda della regione di appartenenza. La formazione prevede, infine, un periodo di tirocinio pratico di servizio presso i reparti del corpo, per una durata che non supera solitamente i trenta giorni.

Simile iter seguono anche i vincitori del Concorso Allievi Finanzieri del Contingente di Mare, che vengono ugualmente inviati a Corsi di formazione annuali con una prima parte della durata di sei mesi, in cui si affronta la fase addestrativa di formazione di base e tecnica; e una seconda fase detta di specializzazione che prevede anche la partecipazione a crociere addestrative.

A termine di questo primo anno, il corso di formazione prosegue con un secondo anno di studio volto a far conseguire agli allievi le diverse specializzazioni del comparto navale. A seconda delle diverse categorie varia la durata della formazione.

Durante i primi sei mesi i vincitori del concorso, ovvero i futuri finanzieri, raggiungono il titolo di Aspiranti Allievi Finanzieri. Questo titolo gli resta tale fino al momento del giuramento, che dopo sei mesi segna un passaggio decisivo affidando a ognuno lo status di Allievo Finanziere. A ciclo di preparazione formativa terminato, si diventa a tutti gli effetti Finanzieri. Passati i cinque anni di permanenza, con l’acquisizione dell’anzianità, si consegue il grado di Finanziere Scelto. Stessa procedura caratterizza anche il grado di Appuntato: dopo cinque anni di servizio avanza al grado di Appuntato Scelto.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – bepsimage

Credits foto 1: Dickelbers – Licenza Creative Commons

Credits foto 2: Gianluca Prioli

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali