informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come ordinare la casa (e perché l’ordine migliora la produttività)

Commenti disabilitati su Come ordinare la casa (e perché l’ordine migliora la produttività) Studiare ad Agrigento

Gli studenti continuano a chiedersi come ordinare la casa. Ma non pensate che sia un tema affrontato e importante soltanto per gli studenti. No, per niente. Avere la casa in ordine è un interesse di tutti, condiviso da diverse fasce di età e da qualsiasi genere. Ma non tutti hanno lo stesso livello di sopportazione del disordine o hanno lo stesso metro di giudizio per capire quando diventa troppo e bisogna agire. Una cosa è certa. Lavorare o studiare con il disordine non è il massimo, la mente non sarà mai del tutto rilassata, e una volta che avrai staccato ti ritroverai ad affrontare letteralmente il caos. Come fare?

Casa in ordine: perché?

riordinare la casa in frettaIl tempo è denaro, diceva qualcuno di importante. Al di là della monetizzazione del tempo sappiamo che fare ordine in casa è un’attività che merita tempo, consuma energia e molto spesso annoia. Noi non siamo di questa idea. Abbiamo un ottimo rapporto con il riordino e un metodo organizzativo impeccabile. Può darsi che tu sia convinto che non ti faccia alcuna differenza avere il letto rifatto o meno la mattina. Ma dopo un’esperienza continuativa all’interno di una casa ordinata e meno caotica ti accorgerai anche tu della differenza. Ti sembrerà di essere più lucido, di avere maggiore grinta, di dedicarti con più piacere alle incombenze lavorative e di studio. Perché? Perché ordinare la casa migliora la produttività? Perché la casa è il riflesso della nostra mente. Troppe cose in giro equivalgono a troppi pensieri. Troppe cose alla rinfusa equivalgono alla confusione. È un circolo vizioso che si autoalimenta. Mettere in ordine la casa contribuisce a fare pulizia mentale, con la mente pulita si mette in ordine la casa più facilmente. Da dove cominciare però? Secondo noi chi ben comincia è a metà dell’opera, ma per fare le cose bene è utile partire a monte con il piede giusto? Come. Lo vediamo nel prossimo paragrafo.

Come ordinare la casa: la prima regola

Abbiamo per te due consigli freschi freschi da una nostra fonte di fiducia, professionista dell’ordine e dell’organizzazione domestica. Il primo consiglio eccezionale su come tenere in ordine la casa facilmente è: avere poche cose. Sì, nella società dell’accumulo è difficile, ma pensa quante inutili cianfrusaglie stai sommando sulle mensole della tua scrivania, nei cassetti, dentro le borse. Siamo pieni di oggetti, circondati di cose che hanno vita breve e nessuna importanza. Quando gli diamo spazio su un tavolo, un ripiano, e poi ce le dimentichiamo, tendiamo a non vederle più. Ma intanto si accumulano e creano un fastidioso effetto di “rumore di fondo”. Il tuo spazio domestico è pieno di cose che non ti servono ma che occupano lo spazio, la vista, l’atmosfera. Quindi stop all’accumulo seriale di cose inutili, per fare spazio al riordino della casa imponiti come regola di non collezionare soprese di MacDonald’s, di non farti abbindolare da acquisti consolatori e compulsivi di sciocchezze. Questa prima regola costa molta fatica ad alcuni e invece risulta più semplice per altri. Se proprio non riesci a non possedere oggetti e altro che ti riempiono la casa, almeno impegnati a trovare loro la giusta collocazione. L’ideale sarebbe ridurre l’ingombro visivo, tenendo le cose dentro le scatole. Ma attenzione, anche le scatole sono una trappola per le persone che non hanno un metodo per riordinare la casa in fretta che sia davvero utile e non dettato dal caso.

Ordine in casa: le altre regole.

Fare ordine in casa significa soprattutto ridurre, e fin qui ci siamo. Ma la seconda regola per ridurre il disordine è quello di trovare un posto fisso e stabilito, comodo ed efficiente, per ogni cosa che si possiede e per ogni settore. Ogni cosa ha il suo posto, questa è sicuramente una frase che hai già sentito dire centinaia di volte. Ecco, non limitarti ad annuire, alzati e cerca di capire come trasformarla in una sana pratica e in un reale metodo di riordino. Qualche consiglio utile per perseguire la regola al meglio: niente di niente nella stanza da letto (no libri, no troppi soprammobili, etc). Ragiona per categorie: cose per la cucina, cose del salone, cose dello studio, e per ognuno trova la collocazione. Come abbiamo detto prima: occhio alle scatole. Alla fine si trasformano in buchi neri, si tende a ficcare dentro ogni cosa e a dimenticarla quasi per sempre. Poi quando la si riapre si ritrova di tutto, senza un ordine sensato e sempre che il casino sia raddoppiato.

Per finire ci teniamo a fornire un consiglio praticissimo: quindici minuti per stanza almeno tre volte a settimana, o con la cadenza che preferite, di riordino attento, presente e meticoloso. Togliere le cartacce e gli scontrini, piegare i vestiti, sistemare i cassetti, evitare gli accumuli di libri e riviste. Buttare il superfluo. Ecco, come abbiamo iniziato così vogliamo concludere. Non solo è utile non accumulare per fare ordine in casa, ma non esiste una casa in ordine senza la capacità di lasciar andare e buttare. Che tra l’altro è il modo migliore per far spazio a qualcosa di nuovo, sempre che sia utile, poco ingombrante e facile da rimettere in ordine.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali