informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Diritto costituzionale: cos’è e cosa studia

Commenti disabilitati su Diritto costituzionale: cos’è e cosa studia Studiare ad Agrigento

Parliamo di diritto costituzionale, una branca importante e fondante il diritto in epoca contemporanea. Il diritto costituzionale è lo studio della costituzione. La frase introduttiva in realtà non restituisce l’ampiezza del tema, dal momento che ritroviamo iniziali accenni di questa branca del diritto già ai tempi dell’antica Grecia, quando alcuni pensatori avviarono le prime riflessioni riguardanti il concetto stesso di costituzione. In realtà la parte di diritto di cui ci occupiamo in questo capitolo fa riferimento soprattutto allo studio giuridico sorto con il costituzionalismo moderno, quando gli stati iniziarono a dotarsi di documenti costituzionali scritti per tracciare gli elementi dell’organizzazione dei limiti del potere statale. Sono questi documenti ad essere gli elementi di studio di questa parte della disciplina.

Costituzione e diritto costituzionale: un po’ di storia

studio della costituzioneAndando leggermente avanti nel tempo arriviamo al 1791, anno dell’approvazione della Costituzione francese. L’Assemblea nazionale costituente proclamò che le facoltà di diritto della Francia dovessero avviare corsi per l’insegnamento dei principi della Costituzione. Questa è una data di importanza fondamentale per il diritto costituzionale, gli studenti di Giurisprudenza di Agrigento sono i degni eredi degli studenti di diritto francese di molti secoli fa.

Anche se, dobbiamo ammetterlo, questo decreto non venne effettivamente applicato fino al 1834, anno in cui il Consiglio dei Ministri dell’epoca fece istituire la prima cattedra di diritto costituzionale a Parigi, all’interno della facoltà di Diritto dell’Università della capitale. A presiedere la cattedra venne chiamato Rossi, che si collocava nel dibattito della Restaurazione influenzato e segnato dal contributo di Guizot (il Presidente del Consiglio dei Ministri, appunto) e Constant.

Diritto costituzionale in Italia

Le cattedre di diritto costituzionale in Italia sorsero durante il periodo storico che prende il nome di triennio giacobino, dal 1796 al 1799. La prima università ad occuparsi di questa branca fu l’Università di Ferrara, tuttora particolarmente attiva e focalizzata sullo studio della costituzione e le riflessioni che ne conseguono. Qui a Ferrara nel 1979 fu istituito il corso di diritto costituzionale cispadano e giuspubblico universale, tenuto da Compagnoni.

La fine delle Costituzioni rivoluzionarie italiane, che ebbero vita breve, coincise con il declino di questo tipo di insegnamento che tornò in auge soltanto a partire dal 1848. Con la concessione dello Statuto Albertino nel regno di Sardegna venne nuovamente a farsi sentire la necessità di uno studio giuridico dei documenti costituzionali, nacquero dunque due cattedre di diritto costituzionale, una a Torino e una a Genova.

Diritto costituzionale: cos’è

Per trovare una definizione precisa possiamo rifarci alla pagina Wikipedia dedicata al diritto costituzionale, che riporta:

Il diritto costituzionale (in inglese: constitutional law) è la branca del diritto pubblico che si occupa, inizialmente, dell’evoluzione e dell’organizzazione dello Stato e dei rapporti tra autorità pubblica e individuo. Da un punto di vista formale-positivista, invece, appartiene alla branca del diritto costituzionale tutto ciò che è oggetto di disciplina da parte della Costituzione, delle leggi costituzionali e degli altri atti normativi e giurisprudenziali che vi diano diretta attuazione.

Studiare diritto costituzionale

Studiare diritto costituzionale significa maturare una conoscenza approfondita del sistema delle fonti dell’ordinamento giuridico. Ogni paese possiede il proprio, è per questo che in Italia si studia principalmente quello relativo all’ordinamento italiano, ovviamente nei suoi rapporti con le fonti dell’ordinamento comunitario.

Per avere un quadro preciso dell’ordinamento italiano bisogna appunto comprendere bene le dinamiche che attraversano la forma di governo italiana, anche alla luce delle funzioni che svolgono gli organi costituzionali e del sistema elettorale. I corsi tenuti nelle varie facoltà di Giurisprudenza italiane, come quello che si svolge presso l’Università Cusano di Agrigento, si concentra su questi punti essenziali e sulla conoscenza del sindacato di costituzionalità italiano, studiando anche le tecniche decisorie della corte.

Per avere una conoscenza completa e integrata è doverosa anche la conoscenza della disciplina sostanziale e dei meccanismi di garanzia delle libertà fondamentali.

I contenuti di un corso di diritto costituzionale

I contenuti dei corsi di diritto costituzionale all’interno dei corsi di laurea della facoltà di Giurisprudenza affrontano le medesime tematiche.

I corsi hanno generalmente l’obiettivo di fornire la conoscenza dei concetti di base del diritto costituzionale e della conoscenza delle partizioni. Vengono considerate nozioni di base, e affrontate:

  • La norma giuridica
  • L’ordinamento giuridico
  • Lo Stato
  • Le forme di Stato
  • Le forme di Governo
  • I concetti di Costituzione

Oltre alle nozioni di base vengono approfonditi altri elementi, che vanno dal sistema delle fonti all’organizzazione costituzionale, dalla giustizia costituzionale ai diritti di libertà, con tutte le ulteriori specifiche riflessioni che ognuna di queste singole parti comporta.

Lo studio del diritto costituzionale è da considerarsi stimolante, accattivante e tra i più apprezzati dagli studenti e dalle studentesse di diritto, forse grazie alla sua facilità di riscontro nelle questioni quotidiane e per la sua importanza notevole in ogni riflessione e accadimento attuale di tipo sociopolitico.

Lo studio e la conoscenza di questa branca del diritto ancora continua ad ispirare e motivare gli studiosi come gli studenti ed è importante che questo interesse non si spenga. Il diritto costituzionale racchiude il cuore del diritto, e pertanto è un bene che si continui a mantenere accesa l’attenzione su tutte le questioni che affronta, solleva, risolve.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – stadtratte

Credits foto 1: Depositphotos.com – SomeMeans

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali