informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali lezioni possono insegnarci gli atleti delle Olimpiadi?

Commenti disabilitati su Quali lezioni possono insegnarci gli atleti delle Olimpiadi? Studiare ad Agrigento

Quest’anno abbiamo ricevuto diverse lezioni dagli atleti delle olimpiadi, è stata un’edizione emozionante, per l’Italia e le sue medaglie ma anche per gesti, azioni e messaggi che ci sono arrivati dritti al cuore dal mondo dello sport. Temi sociali e di importanza globale hanno animato i cuori degli atleti, i quali hanno scelto di dedicare la loro presenza e la loro vittoria a battaglie e riflessioni sempre più complesse ma ugualmente necessarie. Con una carrellata di bei momenti vissuti durante questa straordinaria manifestazione sportiva vogliamo sottolineare il contributo degli atleti delle olimpiadi, per tenere a mente e dare valore al tipo di sport che amiamo.

Atleti Olimpiadi: abbiamo molto da imparare

fuoco delle olimpiadiSaltare in alto, esibirsi in un esercizio di ginnastica, conquistare un’ambita medaglia, non sono stati solo questi gli obiettivi delle atlete e degli atleti delle olimpiadi di Tokyo 2020, postdatate al 2021 a causa dell’emergenza sanitaria da Coronavirus che l’anno scorso ha stravolto i piani (e che rischiava di farlo anche quest’anno). Alcuni tra i più illustri protagonisti del maggiore evento sportivo mondiale hanno scelto di dare spazio a discorsi più ampi, che si intrecciano con lo sport ma che hanno a che fare con tutti noi. Lezioni che ci resteranno impresse al di là delle vittorie, dei colori delle medaglie. Vediamo insieme i momenti più salienti e significativi.

Simon Biles si ritira dalla gara

La campionessa Simon Biles si ritira dalla gara, dichiarando di doversi prendere cura di sé stessa e della sua salute mentale. I giornali (specialmente quelli italiani, ma non solo) toppano con i titoli, dando risalto a una sua presunta “fragilità”, ho rendendo ambigua la sua dichiarazione scrivendone come di “demoni nella testa). Al di là dell’occasione sprecata da parte dei media – di parlare di stress, salute mentale e sport – Simon Biles ci ricorda che proteggere noi stessi, il nostro corpo e la nostra mente è vitale, e che dobbiamo lottare insieme per ridurre il peso delle pressioni sociali e professionali che gravano sugli individui, a cui viene richiesto di raggiungere sempre un determinato livello di performance.

Tom Daley: atleta di tuffi e di uncinetto

Resterà impressa nella memoria e nella storia dei meme la foto del campione olimpico di tuffi Tom Daley, che mentre assiste alla finale femminile di trampolino tira fuori il suo lavoro ai ferri e inizia a lavorare la maglia, fieramente sereno di dedicarsi a una piacevole attività non connessa all’ideale di mascolinità che viene generalmente proiettato su un atleta. Tom Daley è un padre e marito gay, e le sue creazioni a maglia vengono messe all’asta per raccogliere fondi da devolvere alle case famiglia che si occupano dell’accoglienza dei ragazzi Lgbtq+ cacciati di casa.

Daley ci insegna una delle più belle lezioni degli atleti delle olimpiadi: il rispetto del proprio modo di essere, anche se questo può generare confusione e non essere accettato facilmente dagli altri.

Due ori sono meglio che uno

Resterà nella storia come una delle più emozionanti finali di salto in alto. Gianmarco Tamberi e Mutaz Barshim hanno scelto di vincere entrambi la medaglia d’oro, o meglio, di vincere due medaglie, una a testa. I due sono amici e coetanei, e inoltre hanno condiviso la stessa sventura di un infortunio al tendine di Achille che li aveva costretti a lunghissimi periodi di riabilitazione. Tamberi e Barshim potevano continuare la finale con un Jump-off, uno spareggio che avrebbe portato a un solo vincitore. Barshim ha interrotto il giudice di gara mentre spiegava il regolamento per chiedere: “Possiamo avere due ori?” Il giudice ha risposto: “È possibile, se decidete entrambi di essere campioni”. È così hanno deciso. Questa è delle più commoventi lezione degli atleti olimpionici, ci ricorda che sapore ha la sportività, la condivisione, una sana competizione.

Contro la sessualizzazione dello sport

Le ginnaste della Germania indossano una tuta coprente e non il solito body che lascia scoperte le gambe e rende più sessualizzata l’immagine delle atlete. Non sono le prime ginnaste a scegliere di lanciare questo messaggio. Recentemente anche la nazionale femminile norvegese di beach handball aveva indossato short al posto dei bikini (incorrendo in una multa, che la cantante P!ink ha dichiarato di voler pagare come sostegno alla causa).

Con questo ulteriore gesto le ginnaste ci ricordano che il corpo femminile appartiene alle donne e che non dev’essere sempre sottoposto a una pressione sociale che lo rende appetibile per i canoni imposti da una cultura patriarcale.

Ai nostri studenti e studentesse dell’Università di Agrigento abbiamo suggerito di guardare le Olimpiadi, e siamo felici di averlo fatto. Sappiamo che lo sport è un canale virtuoso di diffusione di valori e principi inclusivi. Quest’anno la manifestazione sportiva più attesa al mondo ci ha dato davvero soddisfazione, regalandoci lezioni di sportività, di diritti civili, di impegno sociale. Siamo già tutti in attesa della prossima edizione, ma adesso è il tempo di godersi le meritate vittorie.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – michaklootwijk

Credits foto 1: Depositphotos.com – vverve

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali