informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le 5 paure più diffuse tra gli studenti (e come vincerle)

Commenti disabilitati su Le 5 paure più diffuse tra gli studenti (e come vincerle) Studiare ad Agrigento

Quali sono le paure degli studenti? Sono quelle preoccupazioni che si insinuano nel pensiero dei giovani (e anche dei meno giovani alle prese con scelte formative) quando immaginano il loro futuro scolastico e universitario. L’entusiasmo a volte può cedere il passo alla preoccupazione, all’ansia. È un fenomeno comune e facilmente comprensibile, che colpisce la maggior parte degli studenti e delle studentesse. Ma quali sono queste paure? È possibile affrontarle in qualche modo?

Cinque paure degli studenti

paura degli esamiNon amiamo più di tanto il linguaggio militare e guerresco quando si parla di paura. La paura, in fondo, può anche essere una consigliera, quando non è invalidante. Prima di tutto è necessario parlare con la paura e chiederle: cosa vuoi dirmi? Generalmente dietro si nasconde un desiderio, ed è questo che dobbiamo contattare. Ma vediamo insieme quali sono le principali ansie degli studenti e come affrontarle, accettarle e trasformarle.

Sbagliare facoltà

Gli studenti hanno paura di scegliere la facoltà sbagliata, lasciandosi convincere dai genitori, dagli amici o dalle credenze su futuri sbocchi lavorativi assicurati per determinati corsi di laurea piuttosto che per altri. Spaventa il mistero che circonda certe facoltà, perché anche se possiamo leggere i piani di studi con attenzione non sapremo mai esattamente cosa ci aspetta. Da una parte devi fidarti del tuo istinto e della tua intelligenza, dall’altra devi attivamente cercare informazioni per colmare i tuoi dubbi.

Non stare a sentire le ragioni degli altri, contatta le tue. Il tuo desiderio è di incontrare un corso di studi che ti faccia sentire soddisfatto e motivato, nessuno può scegliere al posto tuo.

Non farcela

Questa è una paura ricorrente non solo per gli studenti ma per molte altre categorie. I momenti in cui si manifesta maggiormente questa paura sono quelli di passaggio, di transizione, quelli in cui ci si sente messi sotto giudizio e in cui da quel giudizio dipende o meno un avanzamento. Ad esempio il fatidico esame di maturità o il primo esame all’università.

È una paura che può nascere da una reale impreparazione (in questo caso per vincerla tocca mettersi a studiare, se si è ancora in tempo) oppure da un’insicurezza di fondo. Spesso l’insicurezza è generata da atteggiamenti svalutanti subiti, o dall’estrema competizione che regna nella società di appartenenza. Se si tratta di una paura troppo forte da gestire, che mina l’autonomia e la serenità dell’individuo allora è opportuno rivolgersi a uno specialista. Un percorso psicoterapico può fare molto bene.

Paura degli esami

Semplice e comune, la paura degli studenti più diffusa in assoluto, ovviamente in ambito universitario. Alle superiori corrisponde con la paura delle interrogazioni o dei compiti in classe. Anche in questo caso studiare bene aiuta a sentirsi più sicuri, ma si possono adottare anche altre strategie di rinforzo. Ad esempio, può essere utile andare a ricevimento con il professore per parlarci prima dell’esame e instaurare già un dialogo che ti darà la sensazione di maggiore famigliarità in sede di discussione, abbassando il livello di ansia prima dell’esame.

Esami arretrati

I ritmi dell’università sono diversi da quelli delle superiori, richiedono sacrifici e sforzi maggiori, e all’inizio si può essere totalmente impreparati a sostenerli. La paura di non stare al passo è legittima, anche in questo caso ci sono dei trucchi per evitare di rimanere indietro.

Frequentare sempre le lezioni aiuta ad avere già una buona preparazione di partenza, e a orientarsi più facilmente nello studio. Evitare distrazioni inutili durante le sessioni d’esame può essere sicuramente un altro consiglio utile per tenere a bada l’ansia prima degli esami.

Non trovare lavoro

Concludiamo con una paura degli studenti dell’ultimo anno, un’ansia preventiva che non aiuta di certo a rilassarsi e ad essere positivi, ma che non dipende esclusivamente dall’individuo. È una paura, ahimè, che nasce da dati di fondo piuttosto concreti. La crisi economica e del mercato del lavoro sin sono acuite in questi ultimi anni, lasciando aleggiare una sensazione di precarietà che non accenna a diradarsi. Bisogna ammettere che qualche paura può essere fondata. Ma anche per le forme d’ansia legate allo studio e al lavoro che hanno motivo di esistere possiamo fare qualcosa per disinnescarle. L’ansia di non trovare lavoro si può affrontare semplicemente cercando lavoro oppure, ancora meglio, costruendosi un lavoro.

Siamo in un’epoca in cui si rivela sempre più difficile aspettare che il lavoro arrivi, e anche l’invio seriale di curriculum a qualsiasi casella di posta elettronica dei recruiter può rivelarsi una strategia inefficacia, ormai inutile. Le nuove università devono formare a un nuovo approccio con il mondo del lavoro, più propositivo, pianificato e attivo.

Non a caso l’Università Niccolò Cusano ha puntato tanto sulla formazione a distanza, grazie a questa modalità didattica lo studente apprende gradualmente ad autogestirsi e a crearsi da sé le condizioni per un avanzamento virtuoso all’interno del percorso universitario.

Queste cinque paure degli studenti sono normali sensazioni che possono puntellare un cammino sempre e comunque costellato anche di grandi soddisfazioni e gioie da condividere.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – realinemedia

Credits foto 1: Depositphotos.com – photography33

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali