informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Che cos’è la teoria delle reti e perché è importante nel mondo IT

Commenti disabilitati su Che cos’è la teoria delle reti e perché è importante nel mondo IT Studiare ad Agrigento

La teoria delle reti è una straordinaria teoria da cui nasce la potente struttura della rete internet. Non affiora così, spontaneamente, ma è il frutto di studi e intuizioni profonde che hanno attraversato le menti più brillanti della matematica. In questa panoramica vogliamo offrire una visione ampia delle moderne teorie che hanno contribuito a far evolvere la matematica creando infinite possibilità per la tecnologia e di conseguenza per tutte le conseguenti applicazioni.

La teoria dei grafi: alle origini della teoria delle reti

analisi delle reti socialiIn matematica, e anche in informatica, viene definita teoria dei grafi la parte di geometria combinatoria che studia gli oggetti in grado di schematizzare una serie infinita di variabili e i processi che li riguardano. Grazie a questo approccio è possibile uno studi e un’analisi quantitativa e algoritmica.
Si ritrovano testi teorici su queste unità matematica già da tempo immemore, la prima pubblicazione fu ad opera di Eulero, che ne scrisse su i “Sette ponti di Könisberg”. Il XX secolo furono anni dedicati a grandi dibattiti matematici, che impiegarono diversi decenni per essere risolti. Basti pensare che il problema dei quattro colori, posto nel XIX secolo fu risolto appunto solo il secolo successivo. Per nuove scoperte e studi rivoluzionari è necessario attendere la seconda metà del XX secolo. Grazie anche all’avanzamento in altri settori (come la combinatoria e il calcolo automatico) si progredisce di parecchio e la teoria dei grafi dispiega tutta la sua forza applicativa.

Ma come possiamo illustrarla più nel dettaglio? Cosa sono i grafi. Schematizzando, i grafi sono:

  • Oggetti semplici: nodi o vertici
  • Collegamenti: tra vertici
    • Non orientati: spigoli
    • Orientati: archi o cammini
    • Dati associati a nodi e collegamenti: grafo pesato

Un grafo è graficamente rappresentato da punti o cerchi (i nodi) mentre i collegamenti sono rappresentati da segmenti o curve, che appunto connettono due vertici. Nel caso di un grafo orientato l’arco è indicato con una freccia. Non è importante la posizione che assumono i nodi o che forma possiedono gli archi e i spigoli, ciò che ha rilevanza maggiore sono i nodi e il tipo di relazione che intercorre tra loro. Un grafo, ad esempio, può essere disegnato in differenti versioni senza perdere le sue proprietà specifiche.

Perché è importante la teoria dei grafi?

albero teoria dei grafiStudiando la tipica struttura a rete è impossibile non accorgersi delle attinenze con i modelli dell’informatica e prima ancora con la teoria delle reti. Non solo, grazie a questa teoria matematica è stato possibile apportare cambiamenti e individuare soluzioni in molte discipline tecniche scientifiche. Per tutto ciò che riguarda lo sviluppo di internet è altrettanto vero. Se pensiamo alla rete, può essere descritta tramite la teoria dei grafi. La struttura di un famoso portale come Wikipedia è interamente realizzata seguendo questo tipo di schema, in cui esistono degli ipertesti collegati a dei link che sono appunto dei grafi orientati, ognuno dei quali è collegato a dei vertici, che sono gli articoli e ad archi che sono i collegamenti tra un articolo e l’altro.
Internet come noi non sarebbe mai esistita senza teoria dei grafi e successivamente senza teoria delle reti. Le informazioni del web sono centri nodali e terminali delle informazioni che sono disponibili sulla rete. Sono sistemi complessi, che proprio come dichiara la parola stessa “complesso” è un cum (insieme) di plexus (intrecciato). Diverse informazioni collegate tra loro che possono portare ad un risultato diverso da quello che si potrebbe prevedere semplicemente sommando le varie parti.

Per questo è importante studiare queste complesse teorie matematiche, perché forniscono uno strumento di analisi di molti aspetti della vita, non solo l’informatica, ma tutto quello che si mette in relazione correlata, formando un insieme. Anche in natura esistono connessioni di questo tipo tra vari insiemi e sistemi. Forse più che teoria delle reti la si potrebbe chiamare teoria delle complessità.

Grazie al suo approccio è possibile intervenire anche nella previsione di fattori di rischio nella progettazione e nel mantenimento di strutture e infrastrutture. La nostra qualità della vita dipende dal funzionamento di queste, che se messe in rete tra loro (come spesso accade) necessitano di un continuo coordinamento.
Un’infrastruttura critica può essere anche un processo o un insieme di processi e servizi che nel momento in cui vengono a mancare all’interno dell’organizzazione di un paese possono provocare grandi disagi, intervenendo in maniera negativa sul funzionamento di un Paese e la sua sicurezza in generale. L’intero sistema dell’economia e socio finanziario, nonché quello amministrativo, dipendono da queste infrastrutture critiche. Quali possono essere nello specifico?

  • Distribuzione dell’energia elettrica
  • Telecomunicazioni
  • Risorse idriche
  • Agricoltura e produzione alimentare
  • Sanità
  • Trasporti
  • Economia e finanza
  • Sicurezza e difesa
  • Reti a supporto del governo

L’importanza delle infrastrutture e dello studio delle reti

Queste infrastrutture non sono importanti solo strategicamente per lo sviluppo di una società, ma lo sono anche per la sua sopravvivenza. E nel corso della storia si accrescono, aumentano e diventano sempre più complesse. Tecnologia e politica, economia e sociologia si affannano a studiarne le dinamiche e molto spesso ci si rende conto che più diventano fitte le reti più si integrano i diversi approcci. Se la complessità tecnica è diventata difficile da intuire senza adeguati strumenti d’analisi non è solo per la grandezza di servizi, prodotti o funzioni, ma soprattutto per l’aumento degli attori coinvolti. Ma cosa ancora più importante, più aumentano le reti più diventano interdipendenti, lo dimostra notevolmente la interdipendenza di molte strutture con quella informatica e tecnologiche.

È chiaro che questa stretta correlazione tra tutti gli aspetti di una società è rischiosa. Ma allora come si deve comportare uno Stato per preservare la sicurezza. È una sfida immensa e stimolante, per la quale sono impiegate molte energie. L’intelligence e altri reparti ed enti legati all’elaborazione funzionale dei dati e delle informazioni sensibili sono sempre all’erta e in ricerca. La raccolta di informazioni è sicuramente il primo punto nella lista degli obiettivi di questi attori coinvolti. Ecco quali sono le tipologie di informazioni controllate e analizzate:

  • Osint (Open Source intelligence – attività di raccolta delle informazioni mediante l’analisi di fonti aperte)
  • Imint (Imagery intelligence – attività di raccolta delle informazioni mediante l’analisi di fotografie aeree o satellitari)
  • Humint (Human intelligence – attività di raccolta delle informazioni mediante contatti interpersonali)
  • Sigint (Signal intelligence – attività di raccolta delle informazioni mediante l’intercettazione e analisi di segnali, sia tra persone sia tra macchine)
  • Techint (Technical intelligence – riguardante armi ed equipaggiamenti militari)
  • Masint (Measurement and Signature intelligence – attività di raccolta delle informazioni non classificabili nelle precedenti categorie)

Ma come si diventa professionisti nel campo dell’analisi di dati interrelati e connessi ad infrastrutture critiche? Ovviamente è funzionale avere a disposizione professionisti che sappiano utilizzare gli strumenti tecnologici e mettere a punto sistemi informatici, matematici e di analisi all’avanguardia. Ma anche se tutti non hanno la propensione per i numeri e i calcoli possono contribuire all’amministrazione e alla gestione di una mole ingente di dati. Sono sempre di più i settori in cui sono richieste queste competenze e molti professionisti vogliono ritagliarsi una professione in grado di dare questo importante contributo. Tra i tanti segnaliamo:

  • Ingegneri
  • Geologi
  • Architetti
  • Geometri
  • Medici
  • Veterinari
  • Giornalisti,

A loro e a quanti siano interessati è dedicato il master “Master II Livello in Infrastrutture critiche e prevenzione del disastro” una formazione di alto livello per assumere una professionalità nuove e sempre più richiesta. Il master prevede un anno di formazione, quantificato il 1500 ore di impegno orario, quantificati in 60 cfu. Come molte altre proposte dell’Università Niccolò Cusano sono in modalità telematica e le lezioni possono essere frequentate 24 ore su 24. Durante il master verrà messo a disposizione dello studente materiale video e dispense per l’autoapprendimento, insieme a dei test di verifica per monitorare costantemente la formazione raggiunta.

Un’occasione speciale per dare alla propria vita professionale una marcia in più.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali