informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come mantenersi durante l’Università? 5 lavori da valutare

Commenti disabilitati su Come mantenersi durante l’Università? 5 lavori da valutare Studiare ad Agrigento

Se il tuo sogno è renderti indipendente economicamente e intraprendere gli studi universitari stai cercando di capire come mantenersi durante l’università facendo lavori che non compromettano l’impegno e il rendimento nello studio. Nonostante l’università sia un percorso impegnativo è possibile coniugare i due cammini: quello lavorativo e quello formativo. Ci vuole organizzazione e motivazione, due ingredienti senza i quali diventa tutto più difficile. Conosciamo una miriade di studenti che ce l’hanno fatta brillantemente e che abbiamo profondamente ammirato per i risultati che hanno raggiunto. A loro abbiamo chiesto quali sono i lavori che permettono un mantenimento durante l’università senza arrecare problematiche logistiche o senza costituire un ostacolo all’avanzamento nel programma di studio. Ne abbiamo individuato cinque, tutti a portata di tutti.

Guadagnare soldi mentre si studia

lavori per studenti su internetSiamo all’interno di una società basata sull’economia, ogni relazione e transizione nasconde ragioni, azioni e conseguenze di tipo economico. Non è un male e non è un bene, è un dato di fatto. Non possiamo non avere a che fare con il denaro, a meno che non decidiamo di condurre una vita originale in semi eremitaggio, tagliando i ponti con tutta una serie di aspetti della modernità. Ma se hai scelto di iscriverti all’università probabilmente non è il tuo caso. Ambisci ad avere una laurea, e magari, un domani, anche un buon lavoro. Oltre a capire come ottenere una borsa di studio all’università (che fa sempre comodo) è normale chiedersi come mantenersi durante l’università. Ovviamente si devono scegliere dei lavori compatibili con un impegno mentale e di tempo notevole, ce ne sono diversi e ognuno di questi è stimolante e formativo. Li elencheremo e valuteremo pro e contro per comprendere quale fa al caso tuo.

Ma prima di iniziare vogliamo anche porre l’attenzione non solo sulla tipologia di lavoro ma anche sulla tipologia di università. Le Università pubbliche delle principali città italiane sono apparentemente rinomate e conosciute ma implicano anche tempistiche e incombenze stringenti: lezioni in presenza, burocrazia lenta, servizi poco funzionali. L’innovazione apportata dalle università on line ha consentito agli studenti di sperimentare la comodità di studiare direttamente da casa. Questa modalità didattica è venuta incontro soprattutto agli studenti lavoratori, coloro che già avevano un lavoro o che non se la sentivano di rinunciare a perseguire una carriera lavorativa pur portando avanti in parallelo gli studi universitari. Il vantaggio consiste nel fatto che gli studenti possono accedere alle lezioni in qualsiasi momento, organizzando in modo altamente flessibile ogni aspetto dell’esperienza universitaria, fatta eccezione degli esami che hanno date definite.

Una grande comodità per chi non può spostarsi o per chi ha necessità di stabilire come e dove e quando studiare.

Ma adesso entriamo nel vivo del topic di questo articolo: come guadagnare soldi mentre si studia?

Fare ripetizioni per mantenersi all’università

Da un sondaggio fatto ai nostri studenti risulta che le ripetizioni sono il lavoro più accessibile, richiesto, ben pagato e di facile reperibilità che si può fare mentre si studia. I genitori sono sempre alla disperata ricerca di studenti universitari disposti a dare qualche supporto ai loro figli in difficoltà con alcune materie.

Pro: c’è molta richiesta, e se studi una materia tecnica-scientifica hai molta probabilità di trovare lavoro mente studi in poco tempo.

Contro: avrai i pomeriggi impegnati, solitamente è un lavoro che si svolge quando i bambini o ragazzi escono da scuola. Se sei abituato a studiare in quel frangente non è l’ideale.

Lavorare in biblioteche, archivi o residenze universitarie

Una delle tattiche utilizzate dagli studenti delle università pubbliche è quella di partecipare ai bandi di selezione per i lavori nelle strutture di servizio all’interno dell’università. Una buona paga che consente anche di inserire questa prima esperienza nel curriculum rendendolo più accattivante.

Pro: se lavori all’interno della biblioteca del tuo dipartimento hai anche l’occasione per studiare in orario di lavoro, oppure per imparare cose nuove sulle discipline di tuo interesse. Inoltre incontri nuovi studenti e puoi fare conoscenza.

Contro: Non si può partecipare ai bandi durante il primo anno di università, perché di solito è richiesto un minimo di esami. Se hai una media di voti bassa scordatelo.

Guadagnare soldi mentre si studia su internet

Molti non sanno che ci sono una marea di lavori per studenti su internet. Il web è pieno di occasioni di lavoro, saltuarie o a lungo termine. Ecco una sintetica lista: correzione di bozze, inserimento contenuti, sondaggi on line. Non servono grosse qualifiche.

Pro: per testare le tue capacità con la tecnologia e il web è perfetto, anche per allenare determinazione e capacità di autopromozione. I lavori on line saranno sempre più richiesti, una prima esperienza può lanciarti in grandi opportunità future

Contro: paghe basse e attualmente tanta ma tanta concorrenza

Sfrutta quello che sai fare per guadagnare durante l’università

Impara l’arte e mettila da parte. Hai qualche hobby creativo? Hai dato una mano ai tuoi nel negozio di famiglia? C’è sicuramente qualcosa che sai fare e bene e la buona notizia è che altrettanto sicuramente c’è qualcuno che sta cercando una persona che abbia quelle competenze. Vendere su Instagram i tuoi ritratti, fare artigianato da vendere nella tua cerchia di contatti o tutto quello che ti viene in mente può sembrare poca cosa, ma in realtà può fare la differenza.

Pro: Sicuramente è il modo migliore per fare quello che ti piace, e guadagnare bene organizzando a tuo piacimento i tempi.

Contro: ci vuole capacità imprenditoriale e capacità di riconoscere il proprio valore e di individuare precisamente qual è la cosa più adatta in cui proporsi tra le tante che sai fare.

Cuoco a domicilio

Questo è un lavoro divertente, da fare in orari serali (quando non si studia e non ci sono lezioni) ed è anche molto richiesto, soprattutto nelle grandi città. Se hai qualche ricetta tipica siciliana nel cassetto è la volta buona di tirarla fuori, sollevarti le maniche e far vedere cosa sai fare.

Pro: è un lavoro originale e non comune, se ben pubblicizzato avrai la fila di richieste

Contro: è necessario tanta attenzione all’igiene

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali