informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Che cos’è e a cosa serve la piramide alimentare?

Commenti disabilitati su Che cos’è e a cosa serve la piramide alimentare? Studiare ad Agrigento

Per affrontare l’argomento alimentazione e salute si deve per forza parlare di piramide alimentare. Da sempre utile rappresentazione dello stile alimentare più sano ed equilibrato, si è evoluta nel corso del tempo, adattandosi ai contesti geografici e anche ai mutamenti delle abitudini di vita. Ripercorriamo i passaggi essenziali della sua genesi e della sua evoluzione negli ultimi decenni.

Origine e significato: la piramide alimentare

a cosa serve la piramide alimentareLa piramide degli alimenti è conosciuta soprattutto in connessione alla dieta mediterranea. Le origini di questa correlazione risalgono agli anni Settanta, nel decennio in cui i nutrizionisti americani fecero emergere da ricerche, studi, analisi e indagini epidemiologiche il valore e i punti di forza della dieta del Mediterraneo, che prevedeva il consumo di cibi sani, freschi e genuini nella giusta misura.

Per rappresentare graficamente il modello alimentare ideale per mantenersi in salute il Dipartimento Statunitense dell’Agricoltura nel 1992 diffuse la piramide alimentare, uno schema che prevedeva al vertice i cibi da consumare raramente e alla base quelli fondamentale, tra questi due estremi si collocavano altri livelli che indicavano la frequenza e la misura con cui gli alimenti all’interno potevano essere consumati per mantenere un’alimentazione corretta.

Questo tipo di piramide dell’alimentazione era basato proprio sulla dieta mediterranea, che veniva riassunta in modo chiaro e preciso. Il progredire delle fasce orizzontali verso il vertice suggerisce una diminuzione di frequenza e una minore quantità di assunzione dei cibi all’interno della dieta.

Alla base della piramide del modello alimentare mediterraneo troviamo frutta e verdura ricca di nutrienti e sostanze protettive. Mano a mano che si sale si incontrano gli alimenti con maggiore densità energetica.

Possiamo attualmente parlare di piramidi alimentari al plurale, perché nell’arco dei decenni il primo modello si è evoluto, integrando i risultati di ulteriori ricerche e adattandosi anche ai mutamenti culturali e sociali. Per esempio, questo schema alimentare del 1992 ha subito delle modifiche intorno al 20015, quando gli studi definirono con maggiore chiarezza la distinzione tra grassi buoni e insalubri, posizionando la carne rossa all’interno degli alimenti meno raccomandabili.

Cos’è la piramide alimentare e a cosa serve

La piramide alimentare è il simbolo dell’alimentazione sana. La sua nascita nel 1992 venne fortemente voluta dal Dipartimento dell’Agricoltura per tentare di contrastare l’aumento della percentuale di soggetti obesi negli Stati Uniti.

La sua funzione è di prevenzione, diffusione e promozione di uno stile di alimentazione sano ed equilibrato. Ma le informazioni contenute all’interno non sono valide per tutti. Abbiamo già fatto l’esempio delle modifiche avvenute nel 2005 ma non sono le uniche.

Esistono nuove piramidi alimentari, aggiornate, ma soprattutto adeguate al contesto geografico di riferimento. Cerchiamo di comprendere meglio perché e a cosa servono le piramidi alimentari differenziate.

Non si può considerare un’alimentazione corretta e sana a priori, in maniera universale, in tutti i territori e per tutti. Ogni paese ha diverse piramidi alimentari e diverso è anche il modo di rappresentarle. È molto interessante indagare queste differenze e scoprirne le ragioni.

Il Canada, per esempio, utilizza un arcobaleno. E accompagnano a questo schema dell’alimentazione un libretto informativo denso di informazioni di grande importanza e precisazioni in base all’età, alle quantità e all’attività fisica consigliata.

Il latte vaccino in Canada viene messo allo stesso piano dei latti vegetali, mentre i formaggi sono lontani. E Il tofu sta accanto al pollo arrosto.

Una piramide governativa dell’alimentazione che suscita riflessioni particolarmente interessanti è quella del Belgio. Si presenta rovesciata e molto chiara nell’architettura delle informazioni. Uno degli aspetti che le consentono di distinguersi dalle altre è la coraggiosa scelta di porre gli alimenti processati direttamente fuori dalla piramide in un cerchio esterno, posto a parte. Una scelta coraggiosa perché dimostra quanto lo stato belga abbia a cuore la salute dei cittadini e non abbia timore di sfidare gli interessi economici delle lobby.

La piramide degli alimenti e la nutrizione

Gli esempi precedenti sono solo alcuni dei tanti disponibili. Si potrebbe ulteriormente parlare della pagoda alimentare cinese, che si focalizza in modo particolare sull’importanza dello sport, scegliendo di porre accanto alla pagoda (con i vari piani dedicati ai tipi di alimenti) un uomo che corre. Frutta e verdura in Cina non sembrano essere gli alimenti base, a questi vengono preferiti cereali, tuberi e legumi. Questo ci fa pensare che forse avrebbe bisogno di un aggiornamento.

Effettivamente gli studi e le ricerche vanno avanti, si moltiplicano le specializzazioni post laurea in biologia che approfondiscono i molti argomenti nati dalla riflessione contemporanea e della ricerca odierna in campo alimentare. La scienza si apre sempre di più ad approcci sensibili a una visione olistica e globale della salute che inserisce l’alimentazione all’interno di un sistema di vita più ampio.

Seguendo queste nuove direzioni della ricerca l’Università Niccolò Cusano ha voluto dedicare un intero master a questi temi e materie, istituendo un Master di I Livello in Operatore in biodiscipline olistiche per la salute con curriculum specifico per ottenere la specializzazione Naturopata olistico esperto in alimentazione naturale, un innovativo approccio per lavorare in un campo in cui cresce il bisogno di professionisti e la necessità di comprendere meglio e ampliare le visioni disciplinari.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali