informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quanti giorni dedicare allo studio di una materia?

Commenti disabilitati su Quanti giorni dedicare allo studio di una materia? Studiare ad Agrigento

Quanti giorni dedicare allo studio di una materia? È una domanda ricorrente tra gli studenti e le studentesse di ogni facoltà. Una buona pianificazione può davvero fare la differenza, può coincidere con il massimo dei risultati. E il fattore tempo l’elemento che può cambiare le carte in tavola. Allora cerchiamo di capire insieme come quantificare la quantità di studio in giorni, per organizzare un calendario che permetta di affrontare con calma e serenità tutti gli esami di una sessione, senza ansia e senza stress.

In quanti giorni studiare una materia?

A questa domanda siamo tentatissimi di rispondere: dipende. La classica risposta che fa imbestialire chi pone la domanda, perché vuol dire tutto e vuol dire niente. Ma attenzione, è proprio così. I giorni per preparare un esame dipendono da fattori molto diversi: quanta passione e predisposizione si ha nei confronti di una materia, quanto materiale didattico è previsto dal programma d’esame, se la materia è umanistica o scientifica, e altro ancora.

Il primo passo da fare per capire quanti giorni dedicare allo studio di una materia è quantificare l’impegno dividendolo in piccolissime parti affrontabili in un lasso di tempo breve. Ad esempio leggi l’introduzione o le prime dieci pagine del manuale di economia, e imposta un timer per verificare quanto tempo impieghi a terminare la lettura. Venti minuti? Mezz’ora? L’unità di tempo necessaria per le dieci pagine ti aiuta a capire di quante avrai bisogno per terminare il programma di esame. Non importa se ti sembra troppo o troppo poco, scegli il tuo ritmo. Calcola quante pagine devi leggere e affrontare, e quindi ricava tramite una semplice moltiplicazione quanto tempo serve per coprire tutte le pagine del programma.

Hai impiegato venti minuti per leggere dieci pagine? Allora per leggerne trenta impiegherai un’ora. E per leggerne sessanta due ore, e via di seguito. Pressappoco avrai un calcolo preciso del quantitativo di ore da dedicare allo studio.

Quanti giorni servono per preparare un esame?

Se seguirai le indicazioni del precedente paragrafo avrai un’organizzazione che noi chiamiamo “a blocchi”. Ovvero, avrai delle unità di tempo che possono essere posizionate sul calendario anche in modo flessibile. Sai che in un’ora leggi trenta pagine, in venti minuti dieci, in quaranta venti pagine. Puoi decidere di sommare trenta pagine più venti, e di studiare un’ora e quaranta minuti, e se dopo un’ora sei stanco e ti fonde il cervello puoi decidere di spostare la sessione di venti pagine, gli ultimi quaranta minuti, al giorno successivo. Se si desidera rendere flessibile il calendario, cambiandolo in itinere come abbiamo spiegato è utile (anzi, imprescindibile) fissare nero su bianco il calendario, anche a matita.

Quest’organizzazione ci piace molto, ma ha dei limiti. Ad esempio, a noi piace moltissimo studiare per capitoli. A meno che tu non stia studiando un genio del male, che ha voluto punire i suoi futuri studenti con lungaggini fastidiose, i capitoli dei libri universitari di solito sono una buona unità di misura per studiare, né troppo lunghi, né troppo corti. Puoi fare lo stesso planning per lo studio basandoti sui capitoli, ma non varrà il discorso del monitoraggio del tempo se i capitoli presentano lunghezze molto diverse l’uno dall’altro. Ricorda, in ogni caso, di provvedere sempre a quantificare l’impegno con un timer, perché ti darà la sensazione di essere consapevole del tuo tempo e di come lo utilizzi, una sensazione che avvantaggia lo spirito positivo piuttosto che quello negativo, e che quando si è studenti e studente funziona come benzina.

Non solo leggere: organizzare il tempo dello studio

Leggere e sottolineare sembrano essere le due attività di base per chi sceglie di studiare all’Università. Ma secondo noi per certe materie un approccio panoramico, poco interpretativo e poco critico non è particolarmente efficace. Fare gli schemi, soprattutto per determinate materie, aiuta tantissimo a sinterizzare. Fare gli schemi prima degli esami aiuta a padroneggiare la materia in modo molto più approfondito di quanto si possa fare semplicemente leggendo e sottolineando.

Purtroppo non sempre al liceo o durante la frequenza della scuola superiore ci viene insegnato come studiare all’università, anzi, spesso si arriva all’università che ci si deve impegnare per comprendere meglio come affrontare certe sfide, imparando da autodidatti un metodo di studio.

Quindi, se vuoi quantificare quanti giorni ti servono per studiare (studiare bene!) un esame devi considerare anche il tempo utile per la rielaborazione. Devi considerare che ti servirà più meno lo stesso tempo che ci è voluto per leggere, ma anche in questo caso ti consigliamo di mettere un timer e registrare le tempistiche. Fare le cose con precisione ti aiuterà a non andare nel panico pochi giorni prima dell’esame. Perché avrai idea più precisa del tempo che ti rimane e sentirai di avere più controllo sugli eventi. Non ti sentirai spiazzato e la precisione dello schema, che mantiene anche un grado di flessibilità (soprattutto se ti muovi in anticipo e riesci ad avere un buon lasso di tempo per incastrare il tuo planning) ti farà percepire una sensazione di maggiore agio.

Credits foto in evidenza e foto 1: Depositphotos.com – AndrewLozovyi

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali