informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quanto tempo ci vuole a scrivere una tesi compilativa? Ecco come procedere

Commenti disabilitati su Quanto tempo ci vuole a scrivere una tesi compilativa? Ecco come procedere Studiare ad Agrigento

Quanto tempo ci vuole a scrivere una tesi compilativa? Questa domanda ti rimbalza in testa da quando hai deciso che tesi vuoi fare. Devi calcolare i numeri di esami che ti mancano, il tempo per studiare, scrivere, correggere. Ma ci sono strategia per ottimizzare i tempi e i risultati, ecco qui un articolo che ti aiuta a fare chiarezza sui passi da compiere per scrivere una bella tesi in poco tempo.

Tesi compilativa: quanto tempo?

Le tesi compilativa sono quelle che vanno per la maggiore, le tesi sperimentali sono ancora una percentuale minore. Non ce n’è una meglio o una peggio, ci sono diverse tipologie per venire incontro ai diversi argomenti e anche alle modalità espositive preferite dagli studenti. La prima distinzione che devi tenere a mente sono le varie fasi:

  • Ideazione
  • Preparazione
  • Stesura
  • Presentazione

scrivere una tesi in poco tempoA noi piace immaginare questa struttura come un palazzo. Ci sono quattro piani, per salire fino all’ultimo e godere della vista dall’alto devi fare le scale, sembra tutto in salita. Ma una volta raggiunta la meta vedrai che soddisfazione.

Come per ogni palazzo che si rispetti sono le basi che consentono la solidità dell’edificio. La tua tesi deve avere delle fondamenta solide, una ricerca di materiale adatto e verificato, un piano di studio ordinato e adatto allo sviluppo della tua argomentazione. Essendo una tesi compilativa sono molto importanti le fonti, è da queste che la tua tesi si nutre di punti di vista e di contributi capaci di arricchire la trattazione generale.

Quanto tempo per iniziare a scrivere la tesi?

Dunque anche l’ideazione ha bisogno di un tempo sufficiente per essere approfondita e assimilata.

Nella fase di ideazione si iniziano a raccogliere i primi tasselli della costruzione. Tutto quello che realizzerai in questa parte di lavoro risulterà una bozza, sarà bello confrontare le idee che ti sono venute in mente all’inizio con il risultato finale. Se puoi conserva appunti, schemi e mappe per tenere traccia dell’evoluzione della tua tesi nel corso del tempo.
Anche fare una lista può servire in questo momento. Un elenco di elementi che servono alla tua tesi per essere completa. Tra i tanti foglietti sparsi e annotazioni trova spazio per:

  • Pensare a un titolo
  • Scegliere font e margini del foglio di scrittura
  • Scrivere introduzione e primo paragrafo

La fase di ideazione spesso coincide con la fase di stesura dell’introduzione. Eppure è sorprendente vedere che quella prima introduzione avrà ben poco a che fare con quella che comparirà a lavoro finito. Ma in ogni caso rappresenta un buon modo per iniziare e per individuare e tracciare le linee guida da seguire.

Ecco quali altre scelte puoi prendere durante la fase di ideazione della tesi:

  • Scelta argomento
  • Scelta relatore
  • Iscrizione alla tesi in segreteria
  • Lista e orari posti dove studiare

Ogni punto merita la giusta dose di attenzione, compreso uno che rientra strettamente dentro questa lista ma che può davvero contribuire a migliorare il tuo rendimento durante il tempo che ci vuole per scrivere la tesi: mangiare sano e acquistare scorte di tè o caffè. Avrai bisogno di tenerti su in queste settimane, pertanto concediti pranzi e cene nutrienti, assicurati di assimilare il giusto apporto di vitamine e non farti mancare qualche sostanza capace di tenerti sveglio nei momenti più duri.

Preparare la tesi in poco tempo

Non è la velocità che conta, ma il risultato. Alla fine della corsa contro il tempo cosa vuoi che ti rimanga? Il fiatone o una bella emozione? Per prepararti a scalare un altro piano dell’edificio puoi ricorrere ad una qualità che spesso gli studenti non coltivano o non sanno di avere: l’organizzazione. Se davvero hai intenzione di costruire solide mura per il tuo futuro, come pensi di poterlo fare senza un minimo di capacità organizzative. Scrivere la tesi è come un lavoro, ti richiede impegno e dedizione, allora la prima cosa da fare è trovare il metodo giusto.

In questa fase di preparazione hai due compiti principali:

  • Scrivere la scaletta
  • Ricerca del materiale

Nel primo step si tratta di dividere la tesi in parti simili per volume e contenuto, non che tu debba dire la stessa cosa, ma devi dare lo stesso spazio ad ogni argomento. Dilungarti su un capitolo e fare un breve accenno su un altro che fai durare la metà non ha senso, spezza l’equilibro della tesi.

Allora poniamo che devi fare cinque capitoli, a cui andrai ad aggiungere l’introduzione e la conclusione. I capitoli devono andare dal generale allo specifico, sul finire si troverà la summa del tuo pensiero o un focus di approfondimento sul tema su cui hai scelto di concentrarti. Essendo una tesi compilativa avrai dato tanto spazio al pensiero degli altri autori, in ultima battuta potresti accennare a quale pensiero ti ha suscitato a riguardo.

Il relatore può giocare un ruolo molto importante, può indicarti una bibliografia di riferimento, soprattutto se ha già seguito studenti che hanno indagato su quell’argomento prima di te.

Scrivere una tesi compilativa: i passaggi

quanto tempo ci vuole a scrivere la tesi triennaleE si avvicina il momento della scrittura, il gioco si fa serio. E allora bisogna seguire ancora una volta una strada precisa. Abbiamo scritto questo articolo per rispondere alla domanda “quanto ci vuole a scrivere una tesi compilativa”. Il fatto che si tratti di un lavoro di rassegna su pubblicazioni, tesi e teorie di riferimento, il fatto che implichi una conoscenza molto profonda di un dato argomento non significa che debba essere per forza un lavoro estremamente impegnativo e lungo.
Scegli di applicare il metodo di lavoro che hai intercettato grazie ai primi due passaggi: introduzione e preparazione, anche lì avrai avuto bisogno di seguire un ritmo.

In questo caso il metodo di lavoro che ti suggeriamo per la stesura della tua tesi di laurea è il seguente:

  • Un mese per ogni capitolo, più un mese per introduzione e conclusione
  • Revisione costante (a ogni conclusione di capitolo)
  • Segnare la bibliografia strada facendo
  • Concediti pause

Qui si apre un altro capitolo. Di guide per scrivere tesi di laurea, sia compilative che tesi di ricerca, sono pieni gli scaffali e le pagine dei risultati dei motori di ricerca. Ma non si dice mai abbastanza quanto sia importante preservare il proprio benessere psicofisico. Prima ti abbiamo detto che il cibo è importante, e che dovevi fare scorta di caffè e tè. Averlo a disposizione non significa abusarne. Negli ultimi giorni a ridosso della discussione della tesi sarai tentato di berne a litri, di non dormire, di dare il meglio di te. Ma sappi che quello non è il meglio di te, è un avanzo, quello che rimane quando tutte le energie che avevi le hai riversate nell’impegno. Prenditi almeno un giorno alla settimana per non fare niente, no computer, no studio. Prenditi del tempo per fare palestra a casa o uscire a fare una passeggiata, ti sentirai rigenerato.

L’ultima parte è quella della presentazione, congratulazioni, ci sei giunto alla fine. Abbiamo visto che se si vuole procedere con calma ci vuole qualche mese per scrivere la tesi, però conosciamo bene tanti studenti che se la sono cavanti brillantemente nell’arco di un mese. Cosa li ha aiutati? Innanzitutto non era una tesi compilativa, quindi se tu hai scelto questo tipo di tesi non puntare al poco tempo, punta semmai ad un giusto tempo. Li ha aiutati anche la sicurezza in sé stessi, ammettiamolo, se non si pensa fortemente di potercela fare difficilmente ci si riesce.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali