informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come si ottiene l’abilitazione da avvocato? La guida completa

Commenti disabilitati su Come si ottiene l’abilitazione da avvocato? La guida completa Studiare ad Agrigento

In questo articolo ti illustriamo nel modo più dettagliato possibile come si ottiene l’abilitazione da avvocato. La professione dell’avvocato è una delle più diffuse tra i laureati in giurisprudenza, ma è bene ricordare che non è l’unica. Gli sbocchi per chi sceglie gli studi in legge sono molteplici, diversi e stimolanti tutti in egual modo. In questa sede vedremo in particolar modo come ci si avvia all’abilitazione, un passaggio cruciale per i futuri professionisti del diritto.

Ottenere l’abilitazione da avvocato

pratica forense

Le statistiche confermano che i laureati in giurisprudenza non accennano a diminuire. Il numero cresce, forse non in maniera proporzionale ai futuri clienti. Non possiamo nascondere che si può trattare, soprattutto in certi territori, di una scelta che porta a un settore competitivo. Però studiare giurisprudenza ad Agrigento continua ad essere una scelta ottima. Quindi, giovani laureati, è arrivato in momento di avvicinarsi all’esame di abilitazione con entusiasmo e senza lasciarsi piegare delle osservazioni pessimiste di chi vi circonda. A te, proprio a te che stai leggendo, vogliamo tenerti informato rispetto ai cambiamenti avvenuti nel 2018 per quanto riguarda l’esame di cui stiamo parlando. L’abilitazione per gli avvocati è un percorso, che non si limita a un momento preciso e ben definito. Ci si deve giungere con buona predisposizione e preparazione. La laurea è il bagaglio di esperienza che obbligatoriamente non può mancare, insieme a abilità personali che sono sempre benvenute e funzionali a costruire la figura professionale.

La laurea in giurisprudenza e l’esame da avvocato

Abilitazione da avvocato ed esame coincidono, praticamente. Si tratta dell’ultima tappa dopo il percorso universitario. Forse dire ultima tappa può creare delle false convinzioni. Diciamo che gli esami non finiscono mai, ma che spesso l’esame di abilitazione rappresenta il compimento ultimo del percorso universitario in giurisprudenza. Ma dopo cinque anni di studio serrato, costante e disciplinato e prima dell’esame c’è un altro percorso molto interessante, che devi per forza aver superato prima di sederti sui banchi dell’abilitazione. Stiamo parlando della pratica forense, un’ulteriore esperienza di formazione diretta, che consiste nell’affiancamento di un avvocato per almeno diciotto mesi. Questo periodo è funzionale allo studente per apprendere la pratica, affinare le competenze innate, allenare quelle apprese, imparando sul campo e grazie all’esempio di un esperto, come si svolge il lavoro che sta cercando di raggiungere e costruire con dura fatica.

In questo frangente spesso il futuro avvocato può assistere alle udienze, redigere i primi atti e svolgere tutte quelle attività che saranno il pane quotidiano all’interno della sua professione.

Come diventare avvocato: dopo la pratica forense

Ovviamente la pratica forense dopo la laurea non basta. Sembra difficile agli inizi, sembra sempre che manca un tassello prima di completare in quadro e diventare professionisti a tutti gli effetti. Ma poi, improvvisamente, da giovani giuristi si diventa avvocati. Inoltre la pratica forense subito dopo la laurea non è l’unica strada percorribile, anche se la più consigliabile per chi vuole fare esperienza nel campo.

A seconda delle tue preferenze personali puoi prendere scelte diverse. Chi ha frequentato la scuola di specializzazione per le professioni legali riduce lo svolgimento della pratica ad un anno. Si tratta di una scuola a numero chiuso, di durata biennale, che a sua volta prevede un esame conclusivo.

Anche chi sceglie di iniziare il praticantato durante gli studi può abbreviare la durata del tempo necessario allo svolgimento. Sono tutti dettagli che apprenderai strada facendo e che cercherai di comprender come far combaciare alle tue aspirazioni.

Come abbiamo detto dopo questo periodo è necessario avviarsi ai fatidici esami. In cosa consistono. Lo vediamo nel dettaglio nel prossimo paragrafo.

L’esame da avvocato. Le prove

Come tutti gli esami ha prove difficili da superare. Ti spaventano? Non ti preoccupare, hai già fatto molta strada e te ne manca solo un pezzetto. Non demordere! Le prove scritte che sono previste per l’abilitazione da avvocato si svolgono generalmente tutte in un’unica sessione, di solito a dicembre. Durante tre lunghe giornate moltissimi aspiranti avvocati si cimentano nella redazione di un parere sulle materie di diritto. Precisamente una traccia a scelta tra due tracce di diritto civile, e una a scelta tra due di diritto penale. In più un atto giudiziario a scelta tra: diritto civile, diritto penale, diritto amministrativo. Dal 2018 le prove rimarranno così, salvo modifiche. La durata delle prove però è stata ridotta rispetto agli anni scorsi, e saranno disponibili sei ore e non sette per lo svolgimento.

Le prove orali, che solitamente si tengono il luglio successivo, dopo la pubblicazione degli esiti che confermano i nominativi degli ammessi si tengono i colloqui sulle materie:

  • •          diritto civile
  • •          diritto processuale civile
  • •          diritto penale
  • •          diritto processuale penale
  • •          deontologia

Queste sono le materie obbligatorie, ma non sono le uniche, a queste si vanno a sommare due materie a scelta del candidato, fra una lista che ne racchiude molte, ovviamente tutte connesse al diritto.

Questo è il percorso che devi aspettarti quando ti chiedi come diventare avvocato.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali